Castel San Lorenzo

Denominazione d’origine controllata
Data: 6 novembre 1991

 
I COMUNI INTERESSATI

Castel San Lorenzo, Bellosguardo, Felitto ed in parte i comuni di Aquara, Castelcivita, Rocca d’Aspide, Magliano Vetere e Ottati.

 
CARATTERISTICHE GENERALI

Bianco: trebbiano toscano (50-60%); malvasia bianca (30-40%); possono concorrere anche uve a bacca bianca purché raccomandate per la provincia di Salerno fino ad un massimo del 20%.

Rosso e rosato: barbera (dal 60% all’80%); sangiovese (dal 20% al 30%); possono concorrere anche uve a bacca rossa purché raccomandate per la provincia di Salerno fino ad un massimo del 20%. Se barbera, tale vitigno deve essere presente almeno per l’85% (possono concorrere anche altri vitigni non aromatici purché raccomandati per la provincia di Salerno fino ad un massimo del 15%). Se moscato, tale vitigno deve essere presente almeno per l’85% (possono concorrere anche altri vitigni a bacca bianca purché raccomandati per la provincia di Salerno fino ad un massimo del 15%).

Resa massima per ettaro: in caso di coltura specializzata 120 quintali per il bianco e 100 per il rosso, il rosato e il moscato. La resa massima delle uve in coltura promiscua non deve superare i 5 kg a ceppo per il tipo bianco e i 4 kg a ceppo per i tipi rosso, rosato e moscato.

Titolo alcolometrico minimo: 10,5% per il rosso, Barbera, rosato e Moscato; 10% per il bianco e 11,5% se "Barbera riserva" o "Moscato Lambiccato".

 
CARATTERISTICHE DEI VINI

Barbera
Colore: rubino più o meno intenso, tendente al granato se invecchiato
Odore: vinoso, caratteristico, gradevole, intenso
Sapore: asciutto, giustamente tannico e acidulo da giovane, caldo, sapido, etereo, armonico, vellutato se invecchiato
Titolo alcolometrico minimo: 11,5%
Acidità totale minima: 5 per mille
Estratto secco netto minimo: 20 per mille

Rosso
Colore: rubino più o meno intenso
Odore: vinoso, caratteristico, a volte fruttato
Sapore: secco, leggermente acidulo, giustamente tannico, armonico
Titolo alcolometrico minimo: 11,5%
Acidità totale minima: 5,5 per mille
Estratto secco netto minimo: 19 per mille

Rosato
Colore: rosa più o meno intenso
Odore: vinoso, tenue, con fragranza caratteristica
Sapore: asciutto, con tendenza al morbido, delicato, leggermente acidulo, vellutato, armonico
Titolo alcolometrico minimo: 11,5%
Acidità totale minima: 5 per mille
Estratto secco netto minimo: 17 per mille

Bianco
Colore: paglierino più o meno intenso
Odore: vinoso, caratteristico
Sapore: asciutto, acidulo, fruttato, leggermente amarognolo, armonico
Titolo alcolometrico minimo: 11%
Acidità totale minima: 5 per mille
Estratto secco netto minimo: 16 per mille

Moscato
Colore: paglierino più o meno intenso
Odore: caratteristico, delicato
Sapore: dolce, vellutato, armonico
Titolo alcolometrico minimo: 12% di cui svolto l’8%
Acidità totale minima: 5 per mille
Estratto secco netto minimo: 17 per mille

Moscato spumante
Spuma: fine e persistente
Colore: paglierino con riflessi verdognoli
Odore: caratteristico
Sapore: dolce, intenso, vellutato, armonico
Titolo alcolometrico minimo: 12% di cui svolto il 9%
Zucchero residuo minimo: 50g per mille
Acidità totale minima: 5 per mille
Estratto secco netto minimo: 16 per mille

La doc Castel San Lorenzo Barbera, ottenuta da uve con titolo alcolometrico minimo di 11,5%, se invecchiate almeno due anni in botti di legno e immesse al consumo con titolo alcolometrico minimo pari a 12,5%, può riportare in etichetta la menzione “riserva”. Così pure il Moscato, ottenuto da uve con titolo alcolometrico minimo di 11,5% mediamente macerazione a temperatura controllata e successivo arresto del processo fermentativo con mezzi fisici, se immesso al consumo con titolo alcolometrico minimo pari a 13,5%, di cui l’8,5% svolto, può riportare in etichetta la menzione “Lambiccato”.