Galluccio

Denominazione di origine controllata
Data: 4 agosto 1993

I COMUNI INTERESSATI

Conca della Campania, Galluccio, Mignano Monte Lungo, Rocca d’Evandro, Tora e Piccilli.
 
CARATTERISTICHE GENERALI

Bianco: falanghina (minimo 70%), possono concorrere anche uve a bacca bianca purché raccomandati per la provincia di Caserta fino ad un massimo del 30%.

Rosso: aglianico (minimo 70%), possono concorrere anche uve a bacca rossa purché raccomandate per la provincia di Caserta fino ad un massimo del 30%.

Resa max per ettaro: in caso di coltura specializzata 12 tonnellate per il bianco e 11 tonnellate per i tipi rosso e rosato.

Titolo alcolometrico minimo: 10,5% per il bianco e per il rosato; 11% per il rosso.

 
CARATTERISTICHE DEI VINI

Galluccio bianco
Colore: paglierino più o meno intenso
Odore: delicato, fruttato, caratteristico
Sapore: secco, fresco, armonico
Titolo alcolometrico minimo: 11%
Acidità totale minima: 5 g/l
Estratto secco netto minimo: 16 g/l

Galluccio rosso
Colore: rubino più o meno intenso, se invecchiato granato
Odore: delicato, fruttato, caratteristico
Sapore: secco, fresco, armonico
Titolo alcolometrico minimo: 11%
Acidità totale minima: 5 g per mille
Estratto secco netto minimo: 17 g per mille

La doc Galluccio, ottenuto da uve con titolo alcolometrico minimo naturale di 11,5% e immesso al consumo con titolo non inferiore a 12% dopo un invecchiamento di due anni in botti di legno, può portare in etichetta la menzione “riserva”.

Galluccio rosato
Colore: rosa più o meno intenso
Odore: vinoso, caratteristico, delicato
Sapore: asciutto, armonico
Titolo alcolometrico minimo: 10,5%
Acidità totale minima: 4,5 per mille
Estratto secco netto minimo: 16 per mille